skip to Main Content

Le paste filate sono formaggi tipicamente italiani e il nostro paese ne è il maggior produttore. Esse si distinguono in base all’origine del latte (vaccine, bufaline, miste, ovine), in base al tempo di stagionatura e al contenuto in acqua (molli, tenere, dure). Appartiene a questa famiglia anche la mozzarella, prodotta dall’Azienda siciliana Alcantara Formaggi esclusivamente con latte vaccino.

La mozzarella deve il suo nome all’operazione di mozzatura compiuta per separare dall’impasto i singoli pezzi durante la lavorazione artigianale, come testimonia anche la sua antica denominazione: mozza.

Dal punto di vista alimentare questo formaggio è un tassello importante per contenuti e valenza nutrizionale. Potremmo anche definirla un’eccellenza italiana infatti è stata esportata in tutto il mondo e spesso invidiata.

Abbinamento al bicchiere

In cucina la mozzarella viene consumata soprattutto al naturale, è antipasto ideale se servito con olive, pomodori, sottoli, o condito con olio extravergine d’oliva preferibilmente siciliano e origano. Si accompagna bene anche al prosciutto crudo. La mozzarella è usata in moltissime ricette dove conferisce un tocco vagamente esotico, si pensi a un timballo o a una pasta casereccia. Da provare anche nella versione impanata e fritta.
Un vitigno autoctono siciliano in grado di bilanciare la dolcezza della mozzarella affiancandola alla sapidità propria dell’uva è indubbiamente il Grillo.

Back To Top
Close search
Cerca